L’articolo di oggi fa parte di un set di due: questo breve “reportage” sullo sviluppatore e, prossimamente, la recensione dell’unico gioco che hanno rilasciato in forma completa.

Questo articolo è il risultato di una rapida ricerca, leggendo capirete meglio perché non mi definisco una “esperta” della situazione.

Se ho iniziato a indagare sulla cosa è solo perché, circa un mese fa, mi sono fatta una grassa risata quando ho scoperto questo casino.


La breve esperienza della Suppy

Non mi ritengo un’esperta di quello che combina e ha combinato Aoen Dream Studios, perché non ho mai veramente seguito lo sviluppatore.

Non sono mai stata una grande fan dei crowfunding, e ho fatto da backer a pochissimi progetti.

Tra il 2015-2016 ho sostenuto tre campagne per dei videogame e non è stato un gran successo:

  • uno è uscito senza problemi, ma di fatto chiedevano soldi solo per la traduzione, che era “ok” (a voler esser gentili) al lancio e nel giro di pochi mesi il gioco è finito in ogni bundle possibile e immaginabile.
  • uno è uscito, gli ho anche pubblicità perché il team inizialmente era molto attivo, ma a conti fatti ho pagato per un gioco free-to-play che ormai non produrrà mai gli extra per cui ho pagato 😅.
  • l’ultimo non è uscito e non viene aggiornato granché; il team sembra più intento a vendere a prezzi assurdi i gadget che a finire veramente il gioco.

Decisamente un’esperienza non proprio eccelsa e infatti non sono andata oltre.


Cosa c’entra Aeon Dream Studios con tutto questo?

Tanto per cominciare devo specificare che, nel momento in cui scrivo, “Aeon Dream Studios” in teoria non esiste più.

Dal 2020 dovrebbe chiamarsi (semplicemente) “Ajané”, dal nome della fondatrice (Ajané J.K. Célestin), ma in realtà sul sito e su Steam risulta ancora “Aeon Studio” o “Aeon Dream Studios” per cui la situazione non è chiarissima.

Per coerenza userò “Aeon Dream Studios” quando parlo dello sviluppatore nel suo insieme, e “Ajané” per quando parlo della persona stessa.


Ajané ha fatto il suo primo kickstarter sul finire del 2015. Essendo una visual novel ai tempi guardai la campagna, ma decisi di non sostenerla.

I Tier non mi ispiravano fiducia e per me la questione sarebbe finita lì, ma a quanto pare era destino che le nostre strade si incrociassero di nuovo.

Circa un mesetto fa un amico mi ha informata che c’era una nuova visual novel su Steam e i DLC erano gratis. Tale visual novel era chiama “To the Edge of the Sky“.

Quando aprii il link capii che doveva c’entrare qualcosa con “Mystic Destinies”, la strana campagna che avevo ignorato anni prima.

Mi erano arrivate voci del fatto che “Mystic Destinies” aveva avuto dei problemi, per cui scherzai sul fatto che “To the Edge of the sky” dovevamo giocarlo subito, altrimenti Ajané ce l’avrebbe sfilato da sotto il sederino.

La mia era solo una battuta… che però poi trovò riscontro nella realtà.

In una mossa che va contro ogni regola del marketing, soprattutto in questo caso, in pochi giorni lo sviluppatore fece togliere i DLC dalla libreria di tutti coloro che li avevano ricevuti come omaggio.

Ajané vende i suoi giochi a pezzi, per cui regalare (per sbaglio) il primo DLC e spacciarlo come una promozione per festeggiare il lancio del gioco poteva spingere i giocatori ad acquistare i successivi DLC.

Togli roba dalla loro libreria… e tutto ciò che avrai è l’esserti fatta dei nuovi nemici.


La situazione, già ridicola di per sé, toccò livelli ancora più ridicoli pochi giorni dopo.

Un’altra persona mi venne a dire che c’era un nuovo Kickstarter per una visual novel e in tale campagna c’era, letteralmente, scritto che i soldi fatti con quel Kick servivano a pagare i premi di altri Kick.

Apro il link e chi mi trovo davanti? La cara Ajané!


Tutto dipende da cosa intendi per “gratis”

Mystic Destinies: Serendipity of Aeons“, “Mystic Destinies: Echoes“, “To the Edge of the Sky” e “Perfect PRISM” sono i giochi annunciati finora da questo sviluppatore.

Quelli usciti hanno una struttura che ricorda molto gli otome mobile: il prologo gratis e poi devi pagare le singole route (una cosa che odio).

Che senso ha un otome in cui devi pagarti le route invece di sbloccarle col sudore della tua fronte (ovvero facendo le scelte giuste nei momenti giusti)?

Se anche le storie fossero di qualità, cosa già improbabile, questo sistema di monetizzazione rende il gameplay sostanzialmente inutile.

Vedere un sistema simile implementato su pc mi faceva venire doppiamente le bolle.

Sì, Ajané ora pubblica anche su mobile, ma inizialmente Mystic Destinies era pensato per pc.

E potete scommetterci le *bip* che anche Perfect PRISM, l’ultimo progetto annunciato da Ajané, avrà la solita identica struttura.


Sapendo questo, il seguente testo estratto dalla campagna di Perfect PRISM, assume una connotazione doppiamente ridicola:

“Il principale obbiettivo di questa campagna è di:
1) generare i fondi che mi mancano per finire i precedenti progetti e spedire le rimanenti ricompense per tali progetti; offrendo in cambio questo nuovo GRATUITO gioco.
2) avere i soldi per realizzare suddetto gioco.
Come scritto sul sito abbiamo speso più di quanto anticipato per i precedenti progetti a causa di ritardi imprevisti e altre cose.

L’ironia dove sta?

Ha palesemente scritto che i soldi di questa campagna saranno usati per altro, invece che per la campagna stessa.

Non solo, sbandiera il fatto che è un’opera di bene perché rilascerà PRISM “gratuitamente”… quando tutti i suoi precedenti progetti sono fake-free! Per cui è legittimo pensare che anche PRISM lo sarà!

E nessuno potrà dirle nulla perché teoricamente sarà “gratis” (il prologo, perché il resto lo paghi 😜).

Il punto 2 credo sia lì giusto per dire “però qualche spicciolo lo userò anche per finanziare questo gioco (poi magari se i soldi non mi bastano farò un altro Kickstarter come questo *ammicc ammicc*)”.


Come se tutto questo non bastasse, Ajané ha ben altri scheletri nell’armadio.

Prima di scendere nei dettagli vi informo di una piccola cosa: l’header di questo articolo è un vecchio logo di Aeon Dream Studios, e dovette cambiarlo perché l’aveva rubato.


Due appunti prima di parlare del dramma

Finora Ajané ha annunciato quattro giochi e ne ha rilasciati a malapena due.

Il genere è sempre lo stesso: otome all’occidentale.
La struttura è sempre la stessa: prologo free + dlc per le singole route e altre amenità.


Negli ultimi 5 anni Ajané ha cambiato almeno 3 volte nome:

  • Il primo gioco (Mystic Destinies: Serendipity of Aeons) è stato sviluppato dalla Star Maiden Games.
  • Il suo sequel (Mystic Destinies: Echoes) e “To the Edge of the Sky” dovevano essere sviluppati dalla Aeon Dream Studio.
  • L’ultimo della cucciolata (Perfect PRISM) è nato sotto la nuova etichetta “Ajané“.

Mystic Destinies: Serendipity of Aeons“, il suo primo gioco, sembra essere l’unico a non essere circondato da un alone di dramma.

To the Edge of the Sky” (da qui in poi “Edge”) è direttamente correlato a quella che è diventata la tragedia di “Mystic Destinies: Echoes” (da qui in poi “MD:E”), per cui parlerò prima di lui.

In fondo, è colpa di Edge se mi sono interessata alla questione.


Edge ha avuto due campagne Kickstarter, il perché non lo so. Pensavo che fosse per la denuncia dei BTS (vedi dopo), ma quella è successiva.

Posso supporre che la prima campagna stesse fallendo miseramente e l’abbia cancellata prima dello scadere del tempo.

Nel testo della campagna e nei pochi update pubblici non c’è scritto nulla, per cui dovremmo convivere con questo dubbio per l’eternità 🤣.

Ho provato a guardare anche sul loro sito ufficiale, ma non trovato nulla riguardante l’annullamento della prima campagna.

Ho giusto notato un certo vittimismo nei titoli dei post dal 2018 a oggi, chissà perché? *ironia it’s over 9000*


Un glorioso dramma

Trattandosi di un gioco di nicchia, di uno sviluppatore indie, non è facile trovare informazioni perché nessuno ne parla.

Sembrerò ripetitiva, ma di solito vado oltre a mezzo pomeriggio di ricerche su Google prima di scrivere un articolo.

In questo caso non sono andata oltre, era complicato trovare le informazioni e non ne valeva nemmeno la pena 😒.


Da quanto ho capito ciò che è successo è quanto segue.

Nel 2017 Ajané ha fatto un Kickstarter per MD:E, sequel del suo “acclamato” primo gioco (Mystic Destinies: Serendipity of Aeons).

Tempo nemmeno un anno e ha aperto un secondo Kickstarter, per il suo nuovo gioco: Edge, una glorificata fanfic sui BTS.

Consequenzialmente è diventato palese che la priorità è diventata Edge e MD:E è finito nel dimenticatoio.

Successivamente, Aeon Dream Studio si è beccata un’ingiunzione perché i personaggi di Edge erano delle palesi fanart dei BTS.

Il mio unico commento sulla questione è: tra tutti i gruppi coreani che poteva scegliere, proprio i più famosi doveva usare? (D’altro canto se non sceglieva qualcuno di famoso come faceva a cavalcare l’onda della fama altrui? 😅).

Onde evitare problemi il charade è stato cambiato, ma tuttora sulla campagna kickstarter (e non solo) sono rimaste le illustrazioni simil-BTS.


Edge è stato rilasciato di recente (con la prima mandata di DLC erroneamente gratis), mentre MD:E viene rimandato da anni.

Qualche tempo fa, apparentemente, Ajané sembrò fare la cosa giusta dando possibilità ai backer di chiedere un refound… per poi ignorarli e tuttora, per quanto mi è dato capire, solo i più rompi*bip* hanno riavuto i soldi indietro 😅.

Oltre a questo ci sono le solite mosse da “shitty developer“: rimuovere le discussioni e le recensioni critiche da Steam, bannare gente, ecc…

Ho trovato tracce di problemi risalenti al 2016, ai tempi di Mystic Destinies: Serendipity of Aeons per intenderci. Sintomo che Ajané è sempre stata così, non è stato il successo di Serendipity of Aeons ad averle dato alla testa.

L’altra cosa che non mi fa impazzire di questa situazione è che non è possibile tracciare con facilità quanti soldi abbia raccolto Ajané per ogni singolo gioco.

Salvo Serendipity of Aeons, tutti gli altri sono stati finanziati anche per vie traverse, usando donazioni dirette con paypal o attraverso più siti di crowfunding.

Quanti soldi abbia effettivamente raccolto con Edge ed Echoes è un mistero, sicuramente più di quanto non risulti guardando la campagna Kickstarter.


Tirando le somme

Un piccolo sviluppatore indie ha preso il pessimo andazzo di creare nuovi Kickstarter prima di aver rilasciato e adempiuto alle promesse dei precedenti.

La situazione si è fatta comica di recente, con l’ultima campagna di crowfunding che dice esplicitamente che i soldi saranno devoluti a mantenere le promesse fatte nelle precedenti campagne.

Oltre a questo lo sviluppatore distribuisce i suoi giochi in maniera non proprio raffinata: sono dei “fake-free“, solo il prologo è gratis il resto va comprato a pezzi via via che esce.

Negli anni hanno collezionato altri vari “successi”, tra cui un’ingiunzione da parte dell’etichetta discografica dei BTS perché stava usando la loro immagine senza permesso.

Ajané è arrivata perfino a minacciare i fan di azioni legali, dopo aver passato anni a ignorare o insultare i backer su Kickstarter e cancellare post “negativi” da Steam.

Se volete andare più a fondo QUESTO è un buon posto da cui iniziare, anche se non viene più aggiornato; per il resto c’è Google~


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *